Views: 82
0 0

Sua Altezza Reale il Principe Gharios E Chemor si è unito a In Defense of Christians (IDC), la principale organizzazione nazionale di difesa dei cristiani e delle minoranze religiose in Medio Oriente e Africa, per un servizio di preghiera ecumenica con l’arcidiocesi greco-ortodossa d’America presso la cattedrale greco-ortodossa di Santa Sofia a Washington, DC lo scorso 14 luglio.
Il servizio di preghiera ecumenico è caduto nel primo anniversario della riconversione della cattedrale di Santa Sofia a Istanbul, in Turchia, in una moschea, e ha commemorato solennemente l’evento.
Hagia Sophia (/ˈhɑːɡiə soʊˈfiːə/; (turco: Ayasofya, Koinē greco: Ἁγία Σοφία, romanizzato: Hagía Sophía; latino: Sancta Sophia, lett. ’Holy Wisdom’), il luogo di culto a Istanbul, progettato dai geometri greci Isidoro di Mileto e Antemio di Tralles fu costruito nel 537 come cattedrale patriarcale della capitale imperiale di Costantinopoli, fu la più grande chiesa cristiana dell’Impero Romano d’Oriente (l’Impero Bizantino) e della Chiesa Ortodossa d’Oriente, tranne durante l’Impero Latino da Dal 1204 al 1261, quando divenne la cattedrale cattolica latina della città. Nel 1453, dopo la caduta di Costantinopoli nell’impero ottomano, fu trasformata in moschea. Nel 1935 la Repubblica laica Turca la istituì come museo. Nel 2020, con un atto molto controverso, è stato riaperto al culto come moschea.
Varie tradizioni cristiane sono state rappresentate al servizio di preghiera ecumenico, tra cui l’arcivescovo Thomas Schirrmacher, segretario generale della WEA – World Evangelical Alliance, la seconda organizzazione cristiana più grande del mondo con 600 milioni di membri.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.