Views: 126
0 0
Un’immagine di uno dei papiri che è stato scoperto a Petra e risale al regno del re ghassanide Abu Karb.
Per il resto dei papiri: http://papyri.info/search?SERIES=P.Petra

Il processo di apprendimento di qualsiasi lingua è molto difficile. L’apertura ai linguaggi del mondo circostante è considerata un elemento che influisce su molti aspetti della vita sociale, inclusa la lingua, in modo spesso significativo.

I Ghassanidi in virtù del loro vasto e longevo commercio, che si estendeva lungo la Via della Seta e le strade secondarie giordane che da essa si diramavano, erano in costante contatto con mercanti provenienti dall’estremo oriente e dall’occidente (impero bizantino).

Questa connessione ha prodotto la conoscenza in altre lingue oltre all’arabo. I Nabatei, che scrivevano in alfabeto nabateo e parlavano diverse lingue, entrarono a far parte della società ghassanide, trasmettendo la loro conoscenza del greco, del latino, dell’aramaico e del siriaco.

La società ghassanide è sempre stata caratterizzata dalla sua omogeneità, solidarietà e passione per la scienza. I medici ghassanidi hanno scritto molte raccolte in siriaco, e ci sono pervenuti scritti storici che li menzionano. Libri di storia della Chiesa, liste battesimali e nomi di monaci e vescovi erano scritti in siriaco e greco, come la lettera del re giordano Al-Ghassani Al-Harith bin Jableh, soprannominato il più glorioso, al Rev. Jacob El-Baradei informandolo dei suoi ultimi successi. La lettera è stata tradotta dal siriaco al latino e il ricercatore Tayseer Khalaf l’ha tradotta di recente in arabo, e dice:

“Vorrei informarla, Sua Beatitudine, che Dio e Santa Maria hanno benedetto il mio viaggio e mi hanno inondato della grazia del successo nei miei sforzi. Quando mi stavo preparando a lasciare la capitale, il vescovo Mar Paul, capo del grande monastero (archimandrita), mi ha parlato della questione che aveva precedentemente discusso con lei e di cui le ha scritto. Mi ha detto che le aveva inviato tre lettere a questo proposito, e vorrei dire a Sua Beatitudine se lei non può inviare le lettere e le persone incaricate di eseguire ciò che ha comandato, o se le circostanze le impediscono di partecipare. A noi può mandare gli i messaggeri, e chiedo a Dio che mi aiuti a compiere le cose secondo la Sua volontà, e per questo devo scegliere persone che siano qualificate per questo compito.

In questa occasione, informo Vostra Eminenza di un altro argomento, e cioè della buona menzione di Teodoro, Papa di Alessandria, che mi ha gentilmente parlato a proposito di Mar Paul, il capo del grande monastero (l’archimandrita). Sono stato molto contento, e ho lodato Dio, come ho parlato con lui faccia a faccia e ho beneficiato molto di lui, e attuando le cose che mi ha ordinato di fare, spero di essere degno delle sue preghiere.

Alla fine della mia lettera, bacio i piedi a Vostra Santità, sperando che si ricorderà di me nelle sue sante preghiere e cercando il piacere di Dio”.

Un’altra forte prova che dimostra il bilinguismo dei Ghassanidi sono i lunghi documenti religiosi firmati dai diaconi e dai vescovi dei monasteri Ghassanidi, che contavano 137 sacerdoti, vescovi e diaconi. Le lettere e i documenti sono stati scritti in siriaco e recentemente sono stati tradotti in arabo.

Questi documenti trattano diversi argomenti come i concili religiosi che si tenevano per conciliare le sette e la richiesta di scritti teologici per sostenere l’idea della Santissima Trinità, e altre corrispondenze di carattere religioso e missionario.

E a Netel, città giordana a sud di Amman ricca di antichità ghassanidi, i Ghassanidi immortalano il nome del loro re più importante, Al-Harith ibn Jableh, attraverso i mosaici, l’arte giordana per eccellenza. Il mosaico, scritto in caratteri greci, recita: “Oh, Harith, figlio di Harith“.

L’iscrizione della chiesa ghassanide di Nitl è stata scritta in greco e recita “Oh, Harith, Ibn al-Harith”, e l’abbagliante mosaico giordano appare nell’iscrizione.

Un’altra iscrizione Ghassanide scritta in greco è un’iscrizione trovata a Tell al-Amiri, vicino al Parco Nazionale di Amman nella capitale. E Tell Al-Amiri è un’area abitata fin dall’età della pietra. L’iscrizione menziona che il santuario di San Sergio (Sarkis), il santo patrono dei Ghassanidi, era pavimentato con mosaici e che quest’opera è dedicata al re Ghassanide, Al-Mundhir bin Al-Harith. L’iscrizione perpetua anche la costruzione della chiesa, le cui rovine sono state recentemente scavate, per rivelarne la navata, un serbatoio d’acqua e diversi altri servizi.

Foto aerea della chiesa di Tell Al-Amiri Ghassanid

La traduzione del testo del mosaico dal greco dice:

“Signore, accetta l’offerta di colui che scrive, il tuo servo Musilio e i suoi figli.

O Signore Gesù Cristo, Dio di San Sergio, proteggi l’altissimo condottiero, l’ammonitore, Dio di San Sergio, benedici il tuo servo Eusebio e i suoi figli!

Dio di San Sergio, benedici tuo figlio Ioannis con sua moglie e i suoi figli!

Dio di San Sergio, benedici il tuo servo di Dio, Dionisio e [- – -]!

Durante il regno del vescovo Polyeuctus, amato da Dio, questo santuario del santo martire Sergio fu pavimentato di mosaici con l’impegno di Maria, il figlio di Rabo, il pio sacerdote, Georgio il diacono, Sabino e Maria. Nel mese di aprile al tempo di [..]”. (Tradotto dal ricercatore Tayseer Khalaf)

Iscrizione greca scoperta nel sito della chiesa di Tell al-Amiri

Questi aspetti ci mostrano che i Ghassanidi erano per lo più bilingue a un livello minimo. L’influenza siriaca è stata il risultato della lingua siriaca che la chiesa era solita adottare. Per quanto riguarda la lingua greca, questo è dovuto al fatto che era la lingua ufficiale dell’Impero bizantino e in essa venivano scritti atti e documenti. Le molteplici lingue non indebolirono la lingua araba dei Ghassanidi, e tra loro apparvero gloriosi poeti che stabilirono una rivoluzione nell’antico poema arabo.

Ricchezza linguistica

Il multilinguismo dei Ghassanidi ha portato a un’insolita ricchezza linguistica. È vero che i Ghassanidi scrivevano la maggior parte dei loro documenti in greco, poiché all’epoca era la lingua ufficiale delle transazioni. Tuttavia, i documenti che ci sono pervenuti non sono privi delle eloquenti parole arabe in uso ancora oggi, e di cui gli scribi ghassanidi non trovavano sinonimi in greco, quindi le scrivevano in arabo, ma in “disegno” greco.

A Petra, capitale della Nabatea, è stato ritrovato un gruppo di papiri carbonizzati, alcuni dei quali sono stati recuperati dagli studiosi. Datati all’era del re ghassanide Abu Karb (539 d.C.), il sovrano ghassanide del mandato della Palestina. I papiri comprendono una raccolta di contratti di proprietà, eredità e altri. Gli studiosi ne hanno estratto molte parole arabe scritte in greco, come:

la casa del maggiore: la sala grande

(βαιθ αλμεναμ): la casa del sogno: la camera da letto

(αλκασεβα): lo stelo: un appezzamento di terreno

(αλνασβα): lo stelo: la vigna ( χαφφαθ): la cassa: un recipiente per conservare cibi o bevande

(μαραβζ): una tana: un recinto per mucche o pecore

(αβου χ ηρηβυσ): Abu Karb, re dei Ghassanidi

La ricchezza linguistica dei Ghassanidi non si limitava alla scrittura araba in greco, ma piuttosto all’uso della caratteristica di parole arabizzanti per l’aramaico, lo ionico (una delle lingue della Grecia), persiano e latino.

Dall’aramaico furono prese parole come la parola “Akar” che significa l’aratro, e la parola “Natur” fu arabizzata per diventare “Nator” e la parola “Feddan” era un’unità di misura dell’area, e la parola “Saraja” che divenne “Saraj” e dalla parola aleonica “Untika” che divenne hazelnut (Nocciola). E dal greco la parola “candela”, che fu arabizzata e divenne lanterna, e la parola “Frans”, che divenne forno. È difficile contare il numero di parole che l’arabo ha dato ad altre lingue, ma in alcune lingue supera le migliaia, come lo spagnolo e l’aramaico.

Le linee estese del commercio e la passione per la scienza hanno indubbiamente arricchito la vita della società sotto il dominio dei Ghassanidi, e questa è una caratteristica della raffinatezza della civiltà che possiamo rintracciare durante il loro dominio.

Re poeti

I Ghassanidi erano un popolo di eloquenza e ci hanno trasmesso la saggezza nella loro poesia. È chiaro che la dinastia regnante dei Ghassanidi era composta da poeti che trasmettevano questa eloquenza di padre in figlio. A questo proposito, citiamo il più famoso esempio di quanto detto citando il testamento del re Al-Ghassani Al-Harith Al-Akbar a suo figlio Amr Ibn Al-Harith su Bahr Al-Baseet:

“Oh Amr, fai ammenda per te per le persone che hanno … in esso i boschi …

rifugiarsi in una valle con lui vicino al suo presente … in modo che sia diretto da Artemisia e Qaysum”

In questa poesia troviamo saggezza, forza, carità e giustizia, valori che la società giordana ancora celebra. In esso, il re Ghassanide, Al-Harith Al-Akbar, raccomanda giustizia e riforma a suo figlio, Amr Ibn Al-Harith.

E il re Ghassanide Amr ibn al-Harith , famoso per la sua intuizione e capacità di predire i disegni futuri e trasmettere la sua volontà a suo figlio al-Malik al-Harith, soprannominato al-Araj o al-Khattar, continua, dicendo su Bahr al -Basetta:

Oh, vedo il mio mondo diventare… da me a te, e stava su una gamba.

Domani lo attraverserai senza di me e lo possederai… Se Dio mi permette di lasciarlo

Il regno viene acquisito solo da coloro che vi risiedono… durante le calamità del passato e dal resto

E il popolo partì da Rabaa, e i re con loro… Tra un pastore, una guardia e un condottiero

Nessuno protegge e si prende cura delle persone tranne … Colui che è sulle vette della gloria ed è esaltato nel più alto.

Il passato di questa determinazione è risoluto e sagace… fedele al contratto di patto in patto

Traboccante come il mare con le sue onde è il suo riposo…

Se soffri di guerre, … di cui non vi è alcun motivo per la protezione del popolo

Appassito sulla linea che hai davanti… volgi lo sguardo a Dio come a un raggio di sole luminoso

È il comandamento, quindi osservalo come è stato preservato…

In questo comandamento, viene mostrata la filosofia di governo dei giordani ghassanidi, poiché il re è un “pastore, custode e autista” che si prende cura del suo popolo e garantisce la loro sicurezza e sicurezza. E continua la sua descrizione del re, dicendo che è volitivo, risoluto e prudente, e mantiene le sue promesse e alleanze.

Al-Malik al-Harith al-A`raj completa la sua composizione del testamento poetico. Recitando una poesia il cui inizio ricorda l’inizio del testamento di suo nonno al-Harith il Grande, in cui raccomanda a suo figlio di essere sincero e di essere un re giusto che si prende cura dei deboli, dei bisognosi e di coloro che non hanno nessun pastore:

Non mentire, perché il miglior discorso è il più veritiero… E una persona o sta nel segreto o nella rivelazione

Cos’è il tuo regno se non un regno posseduto da un re… dai discendenti di Himyar o dai discendenti di Kahlan

Fatta eccezione per i vanitosi vassalli che… erano soliti condannare i re dell’umanità e i jinn

I figli di Cesare sono stati in debito con loro… e Cosroe bin Sassan era in debito con loro

I re sono i pastori del popolo quando hanno… ciò che era sulla terra di gloria e potere

Sii il miglior pastore se il loro Signore si prende cura di te… Per loro e per noi, sii il migliore per il loro futuro

Al-Asma’i menziona nel suo libro “La storia degli arabi prima dell’Islam” altre poesie dei re giordani ghassanidi, che si riversano tutte nel comandamento e nella buona morale. Il re ghassanide Amr bin Al-Harith (Al-Muharraq) dice a suo figlio, che gli raccomanda di essere giusto e benevolo:

Quindi, se regni e diventi il proprietario dei tuoi affari… dopo di me, allora fallo in un modo che sia

Ancora migliore di colui che era buono in questo… e sii giusto nella tua bocca il più possibile, avanza nel conseguire lo scopo e nella magnanimità che lo trascende… per i figli di tuo padre, il magnanimo, il prossimo e il padrone, quindi non deluderli … entrambi sono tuoi, ma essere un cattivo un compagno, sul clan sii gentile.

Vediamo in questi versi la retorica e l’eloquenza che il poema arabo aveva acquisito tra i poeti dei re Ghassanidi. I Ghassanidi raccomandarono giustizia, riforma, fermezza e forza ai loro figli, e questo permise ai re Ghassanidi di governare per più di quattro secoli, una regola caratterizzata da raffinatezza e civiltà.

Poeti Ghassanidi

Tra i Ghassanidi ci sono altri poeti. In questo capitolo passiamo in rassegna i più importanti le cui poesie sono immortalate nei libri di storia.

Al-Shazim bin Al-Harith Al-Ghassani , che appartiene alla dinastia regnante dei Ghassanidi. Le fonti citano la sua storia secondo cui uccise un uomo e fu deportato in Iraq, e lì si rifugiò in un rudere o in una grotta. Durante la sua partenza, ha cantato molte poesie.

La barba di Dio come un vagabondo, se ne assaggia, uno dei suoi avambracci sarà imbottito

Il destino lo guidò attraverso il commercio finché non tornò a casa sua sotto mentite spoglie, e vide il re, Al-Mundhir bin Al-Harith, così cantò poesie al riguardo e gli spiegò la sua storia, così il re lo riscattò. (Al Hazaa: 1994)

Uday bin Al-Ra’la Al-Ghassani, è il compositore di un verso poetico tra i più famosi versi preislamici:

“Non è colui che muore, che riposa con i morti…. Ma i morti riposano con la vita del defunto

Il morto è colui che vive nell’umiliazione… bestemmiando Dio con poca speranza.

Uday ibn al-Ra’la al-Ghassani cantava poesie sulla battaglia di Ain Abbagh, che ebbe luogo tra i Ghassanidi e i Manathiras, ed era orgoglioso della forza e della potenza dei Ghassanidi.

Le fonti storiche che raccontano dei poeti prima dell’Islam menzionano diversi altri poeti ghassanidi, alcuni dei quali tardivi (nel VII secolo e oltre), come Al-Muthalam Al-Ghassani e altri, i cui nomi e alcuni versi delle loro poesie ci hanno raggiunto, come Al-Fadh bin Malik Al-Ghassani, Awfa bin Yafar Al-Ghassani, soprannominato Ibn Anq Al-Hayat, Jaza’ bin Sinan Al-Ghassani e Habba bin Al-Aswad Al-Ghassani.

Il patrocinio della corte dei poeti Ghassanidi

La corte Ghassanide celebrava i poeti di tutto il Levante e dei suoi dintorni e durante la loro vasta influenza. Troviamo menzione delle glorie dei Ghassanidi nelle poesie di poeti di Medina, Najran, Kinda e altre città e metropoli che hanno avuto contatti con la civiltà Ghassanide nel corso di quattro secoli di dominio.

Citiamo tra i poeti più legati alla corte dei Ghassanidi giordani, il poeta Hatem al-Ta’i, in cui il proverbio si incastona nella generosità. Il poeta Hatim al-Ta’i era uno dei principi della tribù Ta’i, una tribù araba che non era in buoni rapporti con i re giordani Ghassanidi. Stavano cercando di razziare i convogli commerciali dei Ghassanidi, e in un’occasione ci riuscirono e uccisero un figlio del re giordano al-Nu’man ibn al-Harith.

Non proveniva dalla tribù Tai, ma cercarono l’aiuto del famoso poeta Hatem Al-Tai, che andò alla corte di Al-Numan e gli cantò una meravigliosa poesia che piacque al re.

Inizio lodando al-Nu’man, dopo di che scrisse una poesia che inizia con:

Dì ad Al-Harith bin Amr che sono il custode dell’amicizia e l’osservatore di ciò che è giusto.

E colui che esaudisce la sua preghiera se mi chiama come un vitello con i compagni

Per quanto riguarda Hassan bin Thabit, è il poeta più famoso che ha menzionato i Ghassanidi nella loro poesia. Difficilmente riusciamo a trovare una poesia del poeta Hassan bin Thabit che non canti la civiltà, il progresso e le vittorie dei Ghassanidi. In effetti, la sua poesia è il documento storico sociale più importante che ci informa dei dettagli della vita dei Ghassanidi. Dalla sua poesia, abbiamo appreso come si vestono e come sono le loro cerimonie religiose, le vittorie di guerra, eccetera (Shahid: 2009). I ricercatori a volte si sono affidati quasi interamente alla poesia di Hassan bin Thabit per formulare un quadro storico più chiaro della civiltà ghassanide. Tra le più famose in relazione a ciò che ha detto sui Ghassanidi c’è una poesia che inizia con:

Per Dio, c’era una banda che un giorno se ne pentì con uno spavento per la prima volta

Fonti storiche menzionano diversi incontri tra il poeta Hassan bin Thabit e i re Ghassanidi Jabala bin Al-Harith, Al-Harith bin Abi Shamr, Al-Nu’man e altri. In questi incontri, i dibattiti poetici erano stimolati e sponsorizzati dalla corte Ghassanide.

Per quanto riguarda l’ultimo poeta importante che si stabilì nella terra dei Ghassanidi in un modo vicino al concetto di asilo politico oggi, è il poeta Al-Nabigha Al-Dhubyani di Bani Tamim.

il poeta, Al-Nabigha Al-Dhubyani

Al-Nabigha era un glorioso poeta politico, appartenente all’élite della tribù dei Bani Tamim. Abu al-Faraj al-Isfahani afferma di aver diretto la poesia ai re Ghassanidi, invitandoli a liberare i prigionieri che furono presi nella battaglia di Halima e Ain Abbagh. La storia di al-Nabigha al-Dhubiani con la corte Ghassanid è incoerente e controversa. Il poeta era in buoni rapporti con il regno di Manathira (nemici dei Ghassanidi), e per molte ragioni era in disaccordo con al-Nu`man ibn al-Mundhir, re di Manathira, e temeva che il re di Manathira lo avrebbe ucciso, così ricorse ad al-Harith il Giovane, allora re Ghassani, ed entrò sotto la sua protezione (Al-Hazza: 1994).

Come era ed è consuetudine dei Ghassanidi il proteggere il rifugiato e soccorrere gli afflitti, essi dettero protezione ad al-Nabigha il quale rimase al sicuro nella terra dei Ghassanidi fino alla sua morte.

La gratitudine di Al-Nabigha Al-Dhubyani al re Ghassani, Al-Harith Al-Asghar (Amr bin Al-Harith), rimane immortale nei libri di storia e nel suo diwan:

Fidati di me per loro, o Omaima, sono in piedi e sto soffrendo nella notte, il passare lento dei pianeti

Ali è una benedizione per Amr dopo una benedizione per suo padre che non è la stessa cosa degli scorpioni

Cosa ci dice la poesia ghassaniana?

Abbiamo già accennato alla poesia di Hassan ibn Thabit e alla poesia di al-Nabigha, entrambi poeti preislamici celebrati dalla corte Ghassani. E poiché la poesia è un documento sociale e un’importante testimonianza storica che ci riflette le condizioni dei popoli, possiamo discernere dalla poesia di Hassan bin Thabit e Al-Nabigha le caratteristiche più importanti della società Ghassanide, in base agli studi che si sono occupati della loro raccolta.

Previous post La Royal House of Ghassan e The Prince Gharios Foundation firmano una partnership con ISAT per sostenere 600 bambini a rischio in Siria
Next post Il Sogno di Francesco per Beirut e Jezzin
0 0 voti
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments